Fondo Nazionale per la Montagna

Il Fondo Nazionale per la Montagna è stato istituito dall’art. 2 della legge 31 gennaio 1994, n. 97 recante “ Nuove disposizioni per le zone montane”.

Il Fondo è finalizzato ai 4.018 Comuni totalmente e parzialmente montani delle Regioni e delle  Province autonome; gli importi sono erogati alle Regioni e vanno ad incrementare i Fondi regionali destinati ai comuni montani (non sono inclusi tra i beneficiari del fondo i comuni capoluogo di provincia e quelli con popolazione totale residente superiore a 40.000 abitanti).

La regione Trentino-Alto Adige non partecipa alla ripartizione del fondo, ai sensi dell’art. 2, comma 109, della legge 23 dicembre 2009 n. 191, che ha abrogato, a decorrere dal 1 gennaio 2010, l’art.5 della legge 30 novembre 1989 n. 386, recante “Norme per il coordinamento della finanza della regione Trentino Alto Adige e delle province autonome di Trento e Bolzano con la riforma tributaria”. 

L’art. 2 della legge 27 dicembre 2004, n. 309 “Incremento del Fondo nazionale per la montagna per l'anno 2004” ha disposto che i criteri di ripartizione siano stabiliti con deliberazione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), sentita la Conferenza Stato-Regioni, su proposta del Ministro per gli affari regionali, di concerto con i Ministri dell’economia e delle finanze e delle politiche agricole e forestali.

I criteri di ripartizione tengono conto dei seguenti elementi:

L’Istat provvede alla determinazione degli indicatori statistici rappresentativi dei suddetti elementi e degli indici di riparto.

 

Annualità 2016-2021

Il Fondo è stato finanziato per gli anni 2016, 2017 e 2018 a seguito dell’articolo 1, coma 761, della legge di stabilità 2016, per un importo annuo di euro 5.000.000,00.

I fondi relativi alle annualità 2016, 2017 e 2018, per via dei tagli previsti dalla norma, sono stati ridotti a euro 4.728.870,00, euro 4.144.382,00 ed euro 3.978.116,00 per un importo complessivo di euro 12.851.368,00 e sono stati impegnati con decreto del 19 dicembre 2018.

L’articolo 1, comma 970, della legge 30 dicembre 2018 n.145 (Bilancio di previsione 2019) ha disposto il finanziamento del Fondo, per un importo di euro 10.000.000,00, per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021.

Per l’annualità 2019, a seguito dei tagli di bilancio, la somma è stata ridotta a euro 8.850.008,00.

L’ultimo riparto, relativo all’annualità 2010, è stato effettuato nel 2013 ed il prossimo riparto è stato predisposto sulla base degli stessi criteri utilizzati per quello e contenuti nella Delibera CIPE del 18 febbraio 2013 (escludendo però le Province di Trento e Bolzano, per i motivi sopra indicati).

 

Fasi procedurali per l’erogazione del fondo

In data 15 maggio 2019, sono state completate le procedure per l’impegno dei fondi 2016-2019.

 

I prossimi passi della procedura sono i seguenti:

 

Su questa pagina web, verranno comunicati gli aggiornamenti sullo stato di avanzamento della procedura.