Autonomia: Bressa, Piemonte e Liguria avviano il confronto. Sul tavolo delle trattative tre nuove materie

Si è svolta questa mattina l’incontro tra il sottosegretario per gli Affari regionali Gianclaudio Bressa e i presidenti delle giunte regionali di Piemonte e Liguria Sergio Chiamparino e Giovanni Toti.

A seguito di pronunce formali dei loro organi, anche Piemonte e Liguria si sono impegnate con il governo, rappresentato da Bressa, a dare avvio all’attuazione del comma III dell’art. 116 della Costituzione per maggiori forme di autonomia.

“È stato un incontro dai toni distesi e cordiali, ha detto il sottosegretario Bressa, in cui abbiamo definito le modalità operative e i tempi per utilizzare al meglio le settimane che restano prima della fine della legislatura.

Abbiamo convenuto che la bozza della pre intesa che stiamo redigendo con Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, in dirittura d'arrivo entro la prossima settimana, sia sottoposta, una volta ultimata, anche alle due nuove Regioni che si uniscono nel negoziato, offrendo loro la possibilità di valutare il lavoro sin qui svolto.

Infrastrutture e logistica, governo del territorio, beni culturali (ad eccezione dei vincoli e della tutela, protetti dalla Carta costituzionale), con una postilla su previdenza integrativa, saranno, invece, le tre materie oggetto del nuovo tavolo di confronto ad hoc con Piemonte e Liguria.

Durante l’incontro di oggi è stato anche ricordato che la regione Veneto ha proposto un vincolo di salvaguardia a tutela del lavoro svolto. Ritengo, a mia volta, essenziale che la pre intesa che ci proponiamo di raggiungere sia considerata un patrimonio da consegnare al prossimo governo e al prossimo Parlamento. Sarà un passaggio di testimone importante rispetto al lavoro e allo spirito collaborativo, di reciproca lealtà, che hanno sino ad ora impegnato il governo centrale e cinque governi regionali coinvolti.”

 

* Testo a cura dell'Ufficio Stampa