Workshop sul Progetto ITALIAE al Forum PA 2019

Il Progetto ITALIAE in questi mesi ha già avviato alcune attività di confronto ed interazione con gli stakeholder e i destinatari delle attività progettuali, gli ‘Stati Generali della Montagna’ e i ‘Meeting di ITALIAE’ ne sono alcuni esempi.

Il workshop organizzato a FORUM PA 2019 rappresenta lo spazio per presentare il Progetto, le criticità che affronta, la strategia di intervento, gli ambiti di azione, gli obiettivi e i risultati attesi. L’occasione è utile anche per fare alcuni approfondimenti sul tema del governo locale con alcuni esperti tematici, in grado di fornire spunti di interesse e riflessioni utili allo sviluppo delle attività progettuali.

In particolare, in questo primo appuntamento si intende avvalersi di una serie di contributi tecnicoscientifici finalizzati a evidenziare lo scenario attuale in cui si muove il sistema delle autonomie locali e i possibili ambiti di sviluppo, con particolare riguardo a:

- il quadro normativo in cui operano le autonomie locali per quanto concerne la multilevel governance, approfondendo gli interventi del legislatore in tema di riordino territoriale;

- la necessità di facilitare lo sviluppo territoriale attraverso la collaborazione tra tutti gli attori coinvolti nei processi di sviluppo dei singoli territori, avviando politiche place-based incentrate sul coinvolgimento delle categorie di attori fondamentali (le istituzioni pubbliche, i luoghi della formazione, il mondo dell’imprenditoria e l’importante componente della società civile);

- l’importanza di avviare uno sviluppo sostenibile fondato su tre fattori interdipendenti, quali la tutela dell’ambiente, la crescita economica e lo sviluppo sociale (inclusive growth), da poter realizzare grazie ad un’amministrazione locale capace di attivare, anche in forma associata (come nel caso delle green community), processi ad impronta sostenibile;

- l’apporto della digitalizzazione per facilitare l’efficientamento amministrativo e più in generale per favorire la crescita territoriale, migliorando la qualità dei servizi, l’efficacia dell’azione pubblica, e non in ultimo il rapporto con gli stakeholder;

- il ruolo dell’associazionismo e delle varie forme di cooperazione territoriale quali strumenti capaci di creare le condizioni necessarie per rispondere alle esigenze di sviluppo locale e alla necessità di governare la complessità territoriale.

 

> Programma e iscrizioni (link a sito esterno)